Come pulire gli auricolari: guida e consigli pratici

Se si utilizzano sempre i nostri auricolari, ci potremo rendere conto quanto lo sporco si accumuli nel tempo proprio all’interno di essi. Lo sporco che si forma sarà sotto forma di cerume, polvere e altre particelle che possono finire all’interno del prodotto. In questo articolo vedremo come fare per ottenere una costante manutenzione alle nostre cuffie. Che come abbiamo detto è un aspetto importante per un duplice motivo. Innanzitutto, la prima cosa è data per la sporcizia che potrebbe favorire la presenza dei batteri, che potranno indurci a delle infezioni e patologie all’orecchio, ma anche perché gran parte del materiale che si deposita nella cuffia potrà far funzionare male proprio quest’ultima. Ecco perché si consiglia periodicamente di pulire le cuffie.

Cosa serve per pulire le cuffie?

Prima di tutto, ci dobbiamo munire di tutto quello che occorre per eseguire la pulizia e fare in modo di igienizzare le cuffie. Va detto che non è necessario adoperare prodotti particolari o specifici, ma basterà fare uso di tutto ciò che stiamo per elencarvi e che di solito è facilmente reperibile in casa. Le cose che occorrono sono dell’alcool isopropilico, dell’acqua ossigenata, il sapone liquido, un panno in microfibra e, infine, uno spazzolino. In primis sono gli auricolari in ear a richiedere una maggior pulizia, dato che sono proprio questi a stare a contatto diretto con il condotto uditivo.

Come si puliscono le parti in plastica, spugna e silicone?

Possiamo dire che non tutte le cuffie vengono realizzate con gli stessi materiali, per cui si deve prestare attenzione durante la fase di pulizia. Per le parti in plastica e in silicone, che quasi sempre li troviamo nei prodotti auricolari, occorre fare uso di una miscela di alcol e acqua distillata con cui si andrà a bagnare il panno in microfibra o in cotone. Di modo che pulire cavi e le membrane degli auricolari, ricordandoci, però, di rimuovere i gommini prima di proseguire con la pulizia, in modo da rimuovere lo sporco che si è depositato anche al loro interno. Nel caso in cui siano presenti delle parti in spugna degli auricolari, si consiglia di ricorrere solo all’acqua distillata e non usare la soluzione alcolica.

Come posso pulire le componenti in metallo e legno?

Le cuffie di tipo professionali e di alta fascia di costo presentano al loro interno molte parti di materiale pregiato, come il titanio o alluminio, ad esempio l’arco montante oppure gli stessi padiglioni auricolari. Ci sono dei casi, come le cuffie ecologiche, che hanno delle parti in legno. Dunque, nel caso di presenza di materiali come titanio o alluminio, la soluzione di alcol e acqua distillata che si è detto di usare in precedenza, andrà bene. Ma, per il materiale in legno è necessario utilizzare del sapone liquido ma diluito in acqua calda per evitare di aggredire il materiale e di andare a rovinarlo col tempo.

Cosa fare se vi è la presenza di tessuti delicati?

Per pulire delle cuffie che hanno parti in tessuto, occorrono dei detergenti specifici. Questo principalmente per le cuffie che sono realizzate in pelle o con altri tessuti delicati. Come in altri casi, qui l’alcool viene sconsigliato così come altri liquidi. Inoltre, per poter togliere residui di polvere o lo sporco superficiale ci possiamo anche limitare a strofinare sulle parti il nostro panno in cotone o in microfibra. Ci sono anche altri modi per poter pulire queste cuffie in tessuto, vengono anche usati alcuni prodotti realizzati con materiali particolari. Se, per esempio, ci trovassimo ad avere a che fare con un rivestimento in velluto o in fibra sintetica, se potremo rimuoverlo si partirà dal rimuovere il tessuto, successivamente lo andremo a strofinare con un vecchio spazzolino da denti, e infine lo andremo a immergere in una soluzione di acqua calda e sapone liquido. Dopodiché, dopo che lo avremo tirato fuori lo dovremo sciacquare di nuovo ma con l’acqua distillata. Infine, l’ultimo passo è quello di strizzare delicatamente il tessuto della cuffia e metterlo ad asciugare, prima di infilarlo nuovamente nella cuffia.

Come si puliscono gli auricolari e le fessure del microfono?

Dopo aver visto come si puliscono le componenti principali del prodotto, prima di conoscere il modus operandi per pulire le cuffie, si deve tenere conto di alcuni aspetti interni del sistema, dove sicuramente si deposita la polvere e lo sporco in generale in maggioranza. Questo succede sugli auricolari e sulle fessure del microfono. Vediamo passo per passo quello che dovremo fare:

  • Per prima cosa si devono rivolgere le cuffie verso il basso, per evitare che il liquido applicato entri nei circuiti.
  • Poi si deve prendere un cotton fioc e inumidirlo quel tanto che basta con acqua ossigenata.
  • Dopo si poggia il bastoncino sull’auricolare fino a sfiorarlo per circa un minuto.
  • Si deve mantenere l’auricolare nella stessa posizione, poi si strofina la cuffia con lo spazzolino delicatamente.
  • Se volessimo semplificare il tutto, sarà possibile anche procurarsi uno specifico aspiratore per apparecchi acustici, che va poi a rimuovere la polvere e la sporcizia senza correre il rischio che la soluzione liquida vada a rovinare le componenti interne.
  • In qualsiasi caso dobbiamo lasciare asciugare completamente le componenti rimovibili della cuffia prima di inserirle di nuovo nell’apparecchio.

Conclusioni

Adesso conosciamo tutti i passaggi per effettuare una corretta pulizia delle cuffie. Come abbiamo visto sono dei procedimenti piuttosto semplici, e anche se non si hanno chissà che prodotti, a meno di non avere degli auricolari molto particolari bastano davvero queste poche cose che abbiamo indicato. Come già detto, sono cose che si trovano in casa senza problemi, per poter assicurare la corretta igiene alle nostre cuffie. Le operazioni di pulizia si devono effettuare con regolarità ma non con eccessiva frequenza, questo perché se andremo a farlo in modo frequente rischieremo di danneggiare i circuiti. Basta eseguirli quel tanto che basta, in modo da tenere a debita distanza la polvere e tutto l’altro sporco che si può accumulare all’interno e anche nella superficie esterna delle nostre cuffie. Così potremo garantire il massimo della longevità possibile al prodotto che abbiamo acquistato.

Appassionata della lettura e dell’arte. Amante della scrittura. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli. Sono felice di poter scrivere articoli su più temi.

Back to top
menu
cuffieauricolariaccessori.it