Guida ai migliori auricolari economici: modelli e consigli di valutazione

Quando parliamo di cuffie e auricolari di alta prestazione, pensiamo subito ad una relativa spesa importante. Eppure, grazie ad una sempre maggiore domanda sul mercato, i massimi produttori leader nel settore hanno risposto con l’offerta di una vasta gamma di prodotti di fascia medio economica in grado di accontentare buona parte dei consumatori. In questo articolo parleremo nello specifico di cuffie e auricolari rientranti in questa fascia di prezzo. Scopriamo subito tutto ciò che c’è da sapere.

Ogni tipologia di cuffia per un utilizzo specifico.

La scelta, oltre che dal prezzo, deve essere preponderata anche in base a che utilizzo andremo a fare delle suddette cuffie. Se siamo tipi sportivi o semplici ascoltatori di musica sui mezzi, avremo bisogno di cuffie differenti in quanto le modalità di utilizzo non potranno mai essere le stesse. Ecco che, mantenendoci sempre sulla fascia di prezzo economia, si avrà comunque la possibilità di spaziare per modelli che riteniamo essere idonei alle nostre esigenze. Ecco cosa tenere in considerazione per l’acquisto di un modello di cuffia.

  • Qualità del suono.
  • Compatibilità dei controlli.
  • Set di gommini (se scegliamo modello In-Ear)
  • Eventuale microfono.
  • Resistenza ad agenti esterni.

   

Considerati questi aspetti, molto importanti, potremmo ipotizzare un possibile acquisto adatto al nostro utilizzo. Ma che modelli di cuffie esistono attualmente in mercato? Quali sono quelli da considerarsi più economici?

Auricolari Earbuds.

Questa tipologia di auricolari, piccola e portatile, è sicuramente tra le più economiche in commercio. Se siamo alla ricerca di un prodotto senza particolari pretese allora questa potrebbe essere una soluzione da tenere fortemente in considerazione. La qualità principale di questo modello è la facile reperibilità, la dimensione ridotta e il costo estremamente competitivo. Tuttavia non sono la migliore scelta da farsi se almeno in parte, puntiamo ad una qualità audio discreta. Le Earbuds non sono idonee ad un isolamento acustico, di conseguenza questo è da aggiungersi ai punti a sfavore. Come ultimo appunto, è bene sottolineare che per la loro fattezza non sono da ritenersi comode. Spesso tendono a scivolare via dal condotto uditivo.

Prezzo: I prezzi si aggirano anche al di sotto dei 10€. Alzando di poco la spesa potremmo scovare dei modelli anche di fascia superiore.

Auricolari In-Ear.

Il modello In-Ear, a differenza del precedente, è preferibile sotto moltissimi aspetti. La sua peculiarità è quella di posizionarsi direttamente all’interno del condotto uditivo. Questo favorisce più aspetti nell’insieme. In primis la percezione del suono è resa maggiormente performante in quanto, diretta al timpano. La composizione con particolari inserti di silicone, favorisce un confort maggiore e una conseguente stabilità all’interno dell’orecchio. Grazie alla loro specifica posizione, garantiscono un notevole isolamento acustico dai rumori indesiderati. I gommini, inoltre, sono sostituibili in base alla propria misura e questo garantirà anche un maggiore igiene. Alcuni auricolari In-Ear studiati appositamente per chi pratica sport, sono resistenti all’acqua. Ciò significa che sarà possibile godersi la propria musica anche mentre si nuota. Malgrado i numerosi punti a favore, tali auricolari vanno utilizzati con prudenza. Con un utilizzo prolungato metteremo a rischio il nostro apparato uditivo. Il timpano, esposto a volumi troppo alti andrà a danneggiarsi gradualmente. Sconsigliabile, quindi, l’ascolto di musica ad un volume superiore del 70%. Oltre a ciò, sarà possibile la formazione di tappi di cerume indesiderati.

Prezzo: Gli auricolari In-Ear è uno dei modelli più acquistati. La conseguenza è un’offerta compresa su un’ampia gamma di prezzo. È possibile trovare modelli ugualmente di discreta qualità anche ad un prezzo conveniente. Dei buoni auricolari In-Ear partono dai 15€ in su. 

A questi prezzi troviamo solo auricolari?

Per chi magari non è amante di questi piccoli auricolari da inserire nel condotto, è possibile optare su tutt’altro modello ugualmente ad un prezzo economico e competitivo, scopriamolo insieme.

  • Cuffie On-Ear.

Chi sceglie questa tipologia di modello, è alla ricerca della qualità ma anche del confort. Caratteristica che contraddistingue questo dai precedenti due modelli sopra citati è la vera e propria struttura. Si presentato con degli altoparlanti più grandi che andranno a poggiarsi al di sopra dei padiglioni auricolari, senza però occluderli del tutto. Alla sommità viene posto un archetto che funge da collegamento vero e proprio tra i due altoparlanti. Il suono di queste cuffie è di buona qualità. Non sono certo note per un impeccabile isolamento acustico, eppure possono essere la scelta più sensata se si sta cercando qualcosa di non troppo invadente per l’orecchio e che rispecchi anche buoni criteri di qualità d’audio. Inoltre, uno dei loro vantaggi alla pari degli auricolari, è la possibilità di potersi ripiegare su sé stessi, quindi di garantirsi una buona portabilità anche grazie a delle custodie apposite.

Prezzo: Per questo modello i prezzi sono vari e relativi alle caratteristiche tecniche presenti. Malgrado ciò sarà possibile portarsi a casa una buona cuffia On-Ear anche dai 20€ in su. Avremo sicuramente un buon confort e qualità del suono al giusto prezzo.

Come riconoscere nello specifico un modello di cuffie?

Al di là dei modelli già citati, è importante sapere che le cuffie nell’insieme vanno ulteriormente distinte in tre categorie:

  • Aperte.
  • Chiuse.
  • Semi-aperte.

   

Le Cuffie Aperte.

Le cuffie aperte si caratterizzano da un notevole confort e da una risposta in frequenza più fedele. Sono preferibili in quanto non alterano quindi la resa finale del suono e a lungo andare non procurano particolari fastidi.

Cuffie Chiuse.

Queste sono invece delle cuffie con una particolarità ben precisa. Hanno il miglior grado di isolamento acustico tra tutte, ma a detta di molti sembrano essere scomode e fastidiose in quanto il suono risulta come intrappolato. Enfatizzano le basse frequenze e questo rende il suono poco fedele. Tuttavia se necessitiamo di isolarci completamente, potrebbero essere un giusto compromesso da tenere in conto.

Modello di cuffie Semi-aperte.

In poche parole la via di mezzo per eccellenza. Sono le cuffie maggiormente scelte perché proporzionano le caratteristiche delle altre due tipologie trovandone un buon equilibrio.

Conclusioni.

Le migliori cuffie economiche sono senza dubbio gli auricolari. Garantiscono una buona qualità anche in una fascia di prezzo medio bassa e possono essere utilizzati in numerosi contesti differenti. In treno, mentre passeggiamo, mentre facciamo sport. Chi più ne ha più ne metta. Non ne verrete delusi.

Siciliana laureata in Discipline dello Spettacolo e Comunicazione alla facoltà di Pisa. Appassionata di arte, musica e scrittura. Mi occupo di scenografia cinematografica e nel tempo libero scrivo romanzi in self publiscing. Mi diletto anche nella musica e nella pittura.

“La vita non sarebbe niente senza un pizzico di arte”

Back to top
menu
cuffieauricolariaccessori.it